Sopravvivere, un hobby alla portata di tutti.

image_previewMeditavo di chiudere questo blog per totale mancanza di ispirazione, e l’avevo quasi fatto.

OriginalitàForse sono io che in questi ultimi mesi ho visualizzato la mia età, i miei problemi irrisolti, lo sfacelo della mia vita e mi sono chiesto se valeva la pena coltivare uno spazio paraconsolatorio su Internet (e la risposta non poteva che essere un energico no).

Forse è la realtà che mi circonda che si ripete tutti i giorni stancamente portandomi a compitare dei posts ormai sempre più simili l’uno all’altro.

Forse sempicemente gli amori finiscono e io ho sempre preferito lasciare prima di essere lasciato (e se venivo lasciato, vedevo di tornare insieme per poi essere io, beffardo e trionfante, ad andarmene). Cometa

Così anche questo anomalo e precario spazio espressivo su Internet, che una volta accendeva il mio entusiasmo e la mia fantasia, era diventato un mezzo dovere, un vincolo a volte pesante, ma sì scriviamo qualcosa anche se non ho niente da dire.

Spesso, ultimamente, vagabondavo all’indietro rileggendo le mie produzioni passate e scoprendomi creativo e brillante come oggi non sono più. Forse nel luglio 2006, quando mi sono inventato o scoperto blogger (ed è stata una bella invenzione/scoperta), cercavo qualcosa che oggi so che non c’è, e che non so neanche bene cosa fosse e se anche lo sapessi non lo direi e se anche lo dicessi risulterebbe incomprensibile.

imagesCAEEOGNMAllora sarò buono con me stesso: questo blog non lo chiuderò, perchè poi probabilmente me ne pentirei. ( Ahi, pentirommi, e spesso, ma sconsolato, volgerommi indietro…).

Lo lascerò aperto come una finestra su quello che speravo di diventare ma non ce l’ho fatta. Come una feroce testimonianza delle mie contraddizioni e del mio tempo perduto e ormai irreperibile (quanto è proustiano tutto ciò…).

Ogni tanto avrò tempo e voglia di scrivere e scriverò. Magari anche due o tre post al giorno. Ce la posso fare. image004

Altre volte mi dimenticherò perfino che questo blog esiste, o magari scriverò solo per me su un vecchio computer che non legge più le periferiche (e quindi quello che scriverò resterà in esso imprigionato, e questo è a metà strada fra Kafka e Edgar Allan Poe).

Farò finta di amare il mio lavoro.

Mi innamorerò ma non lo ammetterò nemmeno con me stesso.

Mi delizierò del disordine discreto che di nuovo si sta insinuando nella mia vita.

Quando mi chiederanno “Come va?” darò risposte esclusivamente non verbali disperatamente allusive.

E continuerò inesausto a sopravvivere.

Annunci

6 Risposte

  1. Mi hai fregata vero?
    Avrai pensato: Mò la frego, arriva per legger i post di ieri (forse) e io gliene spiaccico sul muso altri 3 o 4 ma si dai così la Terry sclera eh eh eh e h eh eh ridi ridi che poi buschi neh!!!!
    Comunque ho letto solo la risposta sul post di ieri che mi hai lasciato, grazie e poi questo post che mi è piaciuto, vagamente assomiglia ai ragionamenti della Terry (che sarei io) ma solo vagamente, non vorrei offenderti, per una certa angolazione di pensiero e basta, ovvio.
    E quando ti sarai deliziato a sufficienza del tuo disordine discreto se ti va puoi venire nel terrymondo a fare le pulizie eh eh eh eh ciao e fai sempre e comunque il bravo giusto?
    baci

    1. Ma devo offendermi perché ti somiglio o perché non ti somiglio abbastanza? In realtà direi per nessuno dei due motivi, visto che questi spazi di condivisione interblogghistici si alimentano sia delle similitudini che delle differenze. Ci si scopre uguali e diversi a giorni alterni, ci si entusiasma per delle convinzioni comuni e magari ci si confronta/scontra su opinioni divergenti (specie quando uno dei due, e se sono entrambi apriti cielo, non capiscono la differenza fra opinione soggettiva e Verità Indiscussa e Inconcussa).

      Nel piccolo ma rutilante caleidoscopio dei miei lettori/visitatori/commentatori fin dai tempi di Leonardo (che sembrano lontanissimi ma si sono protratti fino a meno di 6 mesi fa) tu resti il trait d’union, la Stella Polare, la Casalinga di Vigevano, la coscienza critica e chissà quante altre cose.

      Tutti gli altri passano, vanno, si allontanano, ritornano, fanno gli snob, si sforzano, abbandonano, migrano, esodano, solo tu resti ferma e immutante.

      Qualcosa di sicuro alla fine c’è, in un mondo transeunte e mistificatorio.

      Evviva!!!!

      1. Somiglianze di pensiero, ma non nello scrivere (eh eh eh eh) leggere me è una piccola impresa…… invece leggere i tuoi scritti è un’altra cosa!!!!!!
        Per concludere direi che la exMissTerry è virtualmente eterna, virtualmente immutante……. virtualmente UNICA!!!!!!
        Ciaooooooooooooooo

        1. Magari non gemelli, ma primi cugini sì, dai su.

          1. Uahoooooooooooooo
            P.s. Cazzarola rivuole tutto email nome indirizzo

            1. Guarda, nani, che io per entrare da te devo sopportare ben altre prove e ben altri sbarramenti. Fa’ na roba, vieni anche tu su wordpress che è la piattaforma migliore che ci sia a detta di tutti, così fai compagnia anche a Franz e a tanti altri simpatici accoliti. Per la parola “accoliti” pregasi consultare l’apposito dizionario degli Orsetti.

              E adesso OK, non rilanciare più su questo post che c’è tanto altro da leggere e commentare.

              Ciao ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Frank Iodice

«Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.»

Flameonair's Blog

Un blog di parole, sogni, emozioni, suggestioni

La giraffa

tutto può accadere, l'importante è ricordare chi sei

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

www.paolonori.it/

Just another WordPress.com site

TESTUGGINI

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Un roseto in via Cerreto

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Il Blog di Beppe Grillo

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Annamaria - liberi pensieri

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

TerryMondo

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Rossi Orizzonti

...e navigando con le vele tese io sempre cercherò il mio orizzont

fiorinellasabbia

idee in movimento, senza rassegnazione

Franz-blog .3

(le impronte dei miei passi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: