Post senza titolo (tree with no leaves) e perfino senza foto. Ma con David Crosby.

 

Quelli bravi a capire la realtà e/o a scrivere, quando capita qualcosa di imprevisto, o anche solo di significativo, o anche solo quando capita qualcosa e basta (visto che, alla fin della fiera, decidere cos’è un avvenimento e cosa no è di assoluta e squisita pertinenza di chi osserva, e chi la vede in modo diverso, prego andare…), quando capita qualcosa sanno trovare i concetti e le parole giuste.

Quelli bravi a capire la realtà (ma così così quanto a scrittura) si trovano l’encefalo stracarico, che bisognerebbe metterci sotto un catino e dargli una bella strizzata, vedendo se in cotal maniera restano solo le idee veramente belle e forti e valide e quelle, diciamo così, di complemento finiscono nel catino e di lì nel vicino rigagnolo o in un water vicino e compiacente, in un caso ci pensa lo scorrere stesso dell’acqua e nell’altro devi far la fatica di tirare la catena (che poi oggi nella stragrande maggioranza dei casi si schiaccia un pulsante nel muro o si abbassa una leva nel sifone). 

Ma siccome l’encefalo non è una spugna e neanche uno straccio, c’è da fare una faticosa e dolorosissima cernita fra le idee che meritano di sopravvivere e quelle che restano in testa, e magari ti supplicano come i 6 personaggi quando non passano direttamente alle minacce, “Perché quell’idea idiota l’hai presa e me mi lasci qui? Guarda che ti ronzo contro le meningi come un moscone moribondo in ottobre e ti faccio perdere il sonno, caro blogger dei miei stivali!”.

Quelli bravi quanto a scrittura (ma così c0sì nel capire la realtà) gli devi fare un fischio per avvisarli che sta succedendo qualcosa, dopo di che loro partono in automatico estrapolando dal loro infinito repertorio di frasi celebri quelle che suonano, tintinnano, gloglottano e si aggrottano meglio.

Quelli bravi a scrivere e a capire la realtà son pochi e scrivono quasi tutti sulla Repubblica o sul Fatto. Quelli nè l’uno nè l’altro scrivono su Libero o sul Giornale, e se malauguratamente acquisiscono qualche capacità di scrittura o di comprensione della realtà gli scade il contratto quasi per caso e vanno a vendere le scope elettriche porta a porta. 

Con osservanza

lucarinaldoni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Frank Iodice

«Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.»

Flameonair's Blog

Un blog di parole, sogni, emozioni, suggestioni

La giraffa

tutto può accadere, l'importante è ricordare chi sei

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

www.paolonori.it/

Just another WordPress.com site

TESTUGGINI

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Un roseto in via Cerreto

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Il Blog di Beppe Grillo

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Annamaria - liberi pensieri

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

TerryMondo

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Rossi Orizzonti

...e navigando con le vele tese io sempre cercherò il mio orizzont

fiorinellasabbia

idee in movimento, senza rassegnazione

Franz-blog .3

(le impronte dei miei passi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: