Mario Martone, per me è un sì. [Sottotitolo: Elio (Germano) e una storia tesa].

– GIACOMO LEOPARDI, dal DIALOGO DELLA NATURA E DI UN ISLANDESE-

Credevi tu forse che il mondo fosse fatto per causa vostra? Ora sappi che nelle fatture, negli ordini e nelle operazioni mie, trattone pochissime, sempre ebbi ed ho l’intenzione a tutt’altro che alla felicità degli uomini o all’infelicità. Quando io vi offendo in qualunque modo e con qual si sia mezzo, io non me n’avveggo, se non rarissime volte: come, ordinariamente, se io vi diletto o vi benefico, io non lo so; e non ho fatto, come credete voi, quelle tali cose, o non fo quelle tali azioni, per dilettarvi o giovarvi. E finalmente, se anche mi avvenisse di estinguere tutta la vostra specie, io non me ne avvedrei.

images (62)Era parecchio tempo che un film non mi emozionava e coinvolgeva tanto da sentire la voglia di condividere emozione e coinvolgimento con chiunque avesse la voglia di starmi a sentire. C’era andata molto molto vicina “La grande bellezza”, ma poi aveva prevalso un apprezzamento estetico intellettuale della ricchezza e complessità dell’affresco. Come dire, ero rimasto affascinato ma non emozionato. Che nell’asfittico panorama del cinema di questi ultimi anni era già un bel risultato, ma non abbastanza.images (66)

Nel prendermi su e andare al cinema per vedere “Il giovane favoloso” mi spingeva più una malevola curiosità che un vero sincero autentico desiderio. Non so perché ma mi veniva in mente l’unico totale flop della carriera cinematografica di Roberto Benigni, quando il grande pratese (nell’occasione ridotto tutt’al più a “prataiolo” indigesto e leggermente tossico), travolto dall’hybris, si era voluto confrontare con la saga di Pinocchio e, dopo aver illuso e sedotto lo spettatore con una strepitosa scena iniziale, lo abbandonava ad un film banale, esteriore, plateale e prevedibile, con svariate punte di imbarazzante squallore.

download (59)Così temevo (o maliziosamente speravo?) per la pretesa di Mario Martone di confrontarsi con il più grande colosso intellettuale prima che artistico, etico prima che culturale, da Dante Alighieri in poi. E, se vogliamo, con un luogo che galleggia in uno spazio extraterritoriale fra la geografia, la storia e il puro e semplice mito: la metafisica eppure umanissima, leggendaria eppure terrena, quella Recanati, che va guardata da lontano e in prospettiva quasi per non sgualcirla. A non stare attenti si resta maciullati.image

E invece il triplice salto mortale carpiato avvitato rovesciato con contorsione del menisco è riuscito.

Siccome sono uno spettatore e non un critico, mi sono insufficienti gli strumenti analitici attraverso i quali il cinefilo professionista incasella, denota, connette, spiega ed argomenta.

images (65)Ma abbondo invece, né la cosa ha nulla di straordinario, degli strumenti sintetici attraverso i quali la persona comune di sufficiente cultura metabolizza, assimila, associa, si emoziona e al limite si commuove, ricorda, ed è come se l’inconscio dell’autore passasse sopra al suo, come un delfino che ti sfiora al largo e ti fa pensare all’infinito, o anche all’Infinito.images (64)

Il film che stavo guardando era una ricostruzione storica e filologica pressoché perfetta, che a costruirsi un Leopardi di pura fantasia ci riuscirebbero anche i Vanzina, la quasi totalità delle battute era mutuata quasi parola per parola dall’Epistolario e dallo Zibaldone, e le più belle pagine poetiche (che potevano essere declamate da una voce fuori campo con toni alla Arnoldo Foà) erano “dette”, come nell’atto stesso di pensarle e scriverle, da Giacomo stesso.

images (59)Il tutto poteva risultare una splendida operazione documentale, una docufiction credo sia il termine à la page, da far vedere nelle scuole più o meno come sta capitando per il film precedente di Martone, Noi credevamo, un riuscito tentativo di parlare degli albori del Risorgimento dal basso e da dentro piuttosto che dall’alto e da fuori.images (61)

Ma qui si innesta l’elemento cardine che aiuta il film a transumare dal documentaristico al commovente: l’incredibile sinergia fra il regista e un attore finora sottovalutato, preso sotto gamba e trattato con paternalistica sufficienza (cosa che toccò, peraltro, anche a tal Stefano Accorsi nella prima parte della sua splendida carriera).

Elio Germano.

Con quale stanislavskijana ostinazione Elio è diventato  Giacomo, con quanto appuntito amore lo ha rappresentato nel suo progressivo curvarsi, piegarsi, alla fine letteralmente accartocciarsi su se stesso sotto il peso simultaneo dei mali fisici e delle sottili inquietudini che non possono non scaturire da una totale acuminata spassionata percezione della disperata paradossalità della condizione umana.

download (58)E poi, almeno due scene che da sole valgono il prezzo del biglietto:

  • Giacomo che subisce una sorta di “processo controproletario” da parte del padre e dello zio con tutte le stimmate tecniche dell’induzione di un doppio legame patogeno*, dopo un tentativo di fuga goffo e disperato, in cui un superficiale e ipocrita linguaggio dell’amore si interfaccia con un più profondo linguaggio implicito della sopraffazione e dell’intolleranza e reagisce allucinando il grido di protesta che mai potrà o vorrà esplicitare né allora né mai più.
  • Il dialogo fra un Islandese e la natura, la più disperata ed estrema delle Operette Morali, che diventa un dialogo fra un Giacomo schiacciato dal grandangolo e una enorme inquietante statua di sale a forma di madre.image (1)

Mario Martone, per me è un sì a tutti gli effetti.

*Il doppio legame indica una situazione in cui la comunicazione tra due individui uniti da una relazione emotivamente rilevante, presenta una incongruenza tra il livello del discorso esplicito (verbale, quel che vien detto) e un altro livello, detto metacomunicativo (non verbale, gesti, atteggiamenti, tono di voce), e la situazione sia tale per cui il ricevente del messaggio non abbia la possibilità di decidere quale dei due livelli ritenere valido (visto che si contraddicono) e nemmeno di far notare l’incongruenza a livello esplicito. Come esempio Bateson riporta l’episodio della madre che dopo un lungo periodo rivede il figlio, ricoverato per disturbi mentali. Il figlio, in un gesto d’affetto, tenta di abbracciare la madre, la quale si irrigidisce; il figlio a questo punto si ritrae, al che la madre gli dice: “Non devi aver paura ad esprimere i tuoi sentimenti”.

Annunci

2 Risposte

  1. Una delle migliori recensioni sul “Giovane favoloso”. Forse proprio perché tu non sei un critico cinematografico, ma un vero intellettuale (termine che bisognerebbe ripristinare con grande rispetto). Io il film non l’ho ancora visto, quindi non posso dire se avrò, vedendolo, le tue stesse sensazioni. Ma ho letto e ascoltato abbastanza cose in giro, su questo lavoro di Martone, per poter affermare che, in mezzo a tanto bla bla bla che ho letto e ascoltato, il tuo articolo splende e risplende.
    Ciao, Luca!

    1. In effetti lo passo tutte le mattine col Vetril, non si sa mai fosse passato qualcuno…

      Pensavo addirittura fosse la migliore recensione in assoluto, che a pensar bene non si fa peccato ma neanche ci si indovina, per parafrasare capovolgendolo uno dei più famosi aforismi andreottiani.

      Debitamente affidando a Facebook gli estri momentanei e un po’ epidermici, resti codesto sacrale spazio della blogosfera il santuario delle pagine più meditate, e a volte financo quasi sofferte.

      Buona vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Frank Iodice

«Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.»

Flameonair's Blog

Un blog di parole, sogni, emozioni, suggestioni

La giraffa

tutto può accadere, l'importante è ricordare chi sei

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

www.paolonori.it/

Just another WordPress.com site

TESTUGGINI

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Un roseto in via Cerreto

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Il Blog di Beppe Grillo

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Annamaria - liberi pensieri

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

TerryMondo

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Rossi Orizzonti

...e navigando con le vele tese io sempre cercherò il mio orizzont

fiorinellasabbia

idee in movimento, senza rassegnazione

Franz-blog .3

(le impronte dei miei passi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: