Macerata.

Macerata guarda il resto della provincia con aria leggermente indifferente, un po’ di lato.

Le Marche, essendoci nato e cresciuto fino ai 18 anni, e poi ritornato a cadenza uniformemente decelerata nel corso degli anni, le conosco abbastanza bene. E non sono facili da descrivere e da spiegare. Nella loro struttura accidentata sono una collezione di etnie, di dialetti, di riferimenti, nascondono capolavori architettonici e paesaggistici nei punti più impensati e fondamentalmente sono una terra franca fra nord e sud, che a nessuno dei due si apparenta.

Macerata è un misterioso gioiello atopico e utopico, svagatamente atemporale, che cela incredibili mirabilie come lo Sferisterio, piazza della Libertà nella sua assoluta integralità, il monumento ai caduti che ha un respiro e un’imponenza fuori del comune, palazzo Buonaccorsi, il Duomo, la basilica-bonsai, la visuale mozzafiato da viale Puccinotti, i vicoli dall’atmosfera rinascimentale del centro storico, templi della gastronomia capricciosamente disseminati per ogni dove (La Brace secondo me mezzo gradino sopra tutti), quella melodiosa parlata che è una specie di ciociaro ingentilito e armonico e che ti mette ipso facto di buonumore (così come quella anconetana un po’ singhiozzante, sincopata e in levare mette un po’ il nervoso).piazza_liberta_tabocchini400

Piazza della Libertà e Piazza del Campo nella loro scenografica pendenza

Nonostante Macerata abbia ospitato l’agonia e la morte della mia zia e vice-mamma e il crollo nella demenza senile del babbo Tonino e sia stata quindi, un quarto di secolo fa, la meta di affannose rimpatriate coatte in cui mi sciroppavo 700 chilometri nello spazio di un weekend, continuo a ricordarla come un angolo di gioia e di bellezza.

Non mi va di dire altro. Se non di abbracciarla come una vecchia signora oltraggiata e messa sotto i riflettori della spietata cronaca non per le sue virtù ma per un episodio che la marchia a fuoco. Un po’, per altro, come successe 12 anni fa a Parma che, in un turbinio di ammazzamenti abietti ed aberranti venne definita da Repubblica “l’Aspromonte del Nord”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Frank Iodice

«Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.»

Flameonair's Blog

Un blog di parole, sogni, emozioni, suggestioni

La giraffa

tutto può accadere, l'importante è ricordare chi sei

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

www.paolonori.it/

Just another WordPress.com site

TESTUGGINI

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Un roseto in via Cerreto

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Il Blog di Beppe Grillo

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Annamaria - liberi pensieri

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

TerryMondo

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Rossi Orizzonti

...e navigando con le vele tese io sempre cercherò il mio orizzont

fiorinellasabbia

idee in movimento, senza rassegnazione

Franz-blog .3

(le impronte dei miei passi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: