Oh, com’è bello sentirsi profondamente intelligenti…

 

EnnioFlaiano

 

Oh, com’è bello sentirsi profondamente intelligenti,

per il cinema sdilinquirsi, a teatro restare indifferenti,

rispondere a ogni richiesta,aver sempre un’opinione,

sottoscrivere una protesta,spiegare la situazione;

a un party fare l’elogio del nuovo romanzo francese

e rimettere l’orologio con il successo del mese.

Oh, com’è bello tenersi continuamente al corrente,

a sinistra sedersi, a destra avere un parente,

organizzare una festa,difendere la poesia,

avere la lingua lesta, far parte di una giuria.

Approvare l’esperienza elettronica per una nuova letteratura

preconizzando un’armonica difesa contro la natura.

Oh, com’è bello sentirsi socialmente entusiasta,

dei pregiudizi svestirsi, fingendosi pederasta.

Dire a Lei che l’erotismo è una forma di alienazione

frutto del neo-capitalismo e chiudere la discussione.

Oh, com’è bello orientarsi con la moda che passa,

continuamente rifarsi alla cultura di massa,

giurare sull’arte impegnata, ripetere che l’Industria è bella

e chiudere la giornata con un colpo di rivoltella.

(Ennio Flaiano, pubblicata postuma ma probabilmente databile alla fine degli anni ’60.

Cosa scriverebbe oggi?)

 

Annunci

4 Risposte

    1. Secondo me di peggio ancora, o forse se fosse ancora vivo avrebbe 102 anni e si sarebbe da tempo ritirato in un prestigioso pensionato per anziani illustri. Vallo a sapere…

  1. Concordo con te, scriverebbe di peggio, perché qui va tutto male, ma nessuno ha la stessa voce per farsi sentire. Ciao Riri52

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Frank Iodice

«Lo scrittore è una persona vigliacca, opportunista, sacrificata al gioco continuo della forma e della trama. Un individuo destinato alla perpetua insoddisfazione.»

Flameonair's Blog

Un blog di parole, sogni, emozioni, suggestioni

La giraffa

tutto può accadere, l'importante è ricordare chi sei

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

www.paolonori.it/

Just another WordPress.com site

TESTUGGINI

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Un roseto in via Cerreto

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Il Blog di Beppe Grillo

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Annamaria - liberi pensieri

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

TerryMondo

Se si ritorna significa quanto meno (a) che si hanno ancora gli strumenti dinamici per trasmigrare da un punto all’altro e (b) che si possiede ancora una mappa. Ma pensandoci meglio il punto (b) può essere omesso, delle volte si ritorna per puro caso e, dopo aver detto “Ma dài…” si decide di trattenersi. Quanto a lungo non si sa.

Rossi Orizzonti

...e navigando con le vele tese io sempre cercherò il mio orizzont

fiorinellasabbia

idee in movimento, senza rassegnazione

Franz-blog .3

(le impronte dei miei passi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: